Rispetto delle linee guida

Il sito rispetta le linee guida nazionali in materia di pubblicità sanitaria, secondo gli artt. 55-56-57 del Codice di Deontologia Medica.

Le informazioni contenute in questo sito si intendono per un uso esclusivamente informativo, non promozionale e non sostitutive di una visita medica.

This Site is designed by

50.01 Production & Communication Ltd.

London,UK

Approfondimenti

Si tratta di un metodo rigenerativo che consiste nell'iniettare del destrosio ipertornico (glucosio) nei punti d'inserzione dei tendini e dei legamenti.

Queste iniezioni creano un'infiammazione acuta e temporanea che richiama il sangue nelle zone interessate, stimolando la rigenerazione dei tessuti e favorendo la stabilizzazione di vertebre e dischi.

Il glucosio iniettato nei legamenti sollecita la produzione di nuovo tessuto collagene grazie all'attivazione di una vera "cascata rigenerativa.

Per la Proloterapia si seguono le linee guida dell'università americana di Wisconsin, nelle quali si precisa che il destrosio ipertornico viene utilizzato con una concentrazione del 15%  a livello periosteo e del 25% intra-articolare.

Anca

LA PROLOTERAPIA PER IL TRATTAMENTO DELL'ANCA

La proloterapia riveste un grande interesse nel trattamento del dolore dell’anca.

Le cause di dolore all’anca possono essere molteplici e possono riguardare i tendini, i legamenti, la capsula e la cartilagine articolare.Spesso i pazienti affetti da coxalgia lamentano un dolore all’inguine o al gluteo che si irradia al ginocchio.In caso di severa artrosi dell’anca ci sono dei caratteristici segni di questa patologia articolare tra cui una zoppia e difficoltà a infilarsi le calze.Spesso la radiografia e l’esame clinico confermano la diagnosi di coxo-artrosi mentre per il dolore peri-articolare la diagnosi migliore rimane quella clinica.

 

Colonna

LA RADICOLOPATIA LOMBARE - I BENEFICI DELLA PROLOTERAPIA

Spesso molti pazienti a cui è stata fatta una diagnosi di radicolopatia lombare hanno in realtà qualcosa in più di un dolore radicolare che va e viene con i cambi di attività o nei cambi di posizione.
Questo sta a significare che il nervo è pinzato in modo intermittente possibilmente per una sottostante lesione ai legamenti della colonna lombare.
I legamenti divengono più deboli e permettono un movimento maggiore del normale. La vertebra allora si muove maggiormente e il nervo può essere pinzato. Questo pinzamento causa un forte dolore lungo le gambe e i piedi. Se la radicolopatia è intermittente allora il dolore alla gamba sarà occasionale o intermittente. La proloterapia nelle aree lesionate e indebolite stabilizzerà le vertebre lombari. La radicolopatia intermittente in genere risponde bene alla proloterapia.

 
 

Ginocchio

L’instabilità del ginocchio e la Proloterapia

L’instabilità del ginocchio può avere cause diverse. La maggior parte delle volte deriva da traumi acuti; ma ancora più di frequente, l’instabilità si sviluppa nel corso di un processo degenerativo delle cartilagini del ginocchio. Infatti in una certa fase della vita, la degenerazione della cartilagine può procedere più velocemente della eventuale reazione ripartiva e stabilizzante dei legamenti. La conseguenza di questo fenomeno, che alle volte rientra solo nel normale processo di invecchiamento, è una maggiore inabilità e lassità dell'articolazione che a sua volta si rende responsabile di ulteriore danno cartilagineo a causa della continua irritazione locale provocata dalla lassità dei legamenti.

 

Spalla

Utilità della proloterapia nelle patologie della spalla

La proloterapia può essere molto utile ed in alcuni casi risolutiva in molte delle patologie che interessano la spalla.
Come si è già detto in altri punti del sito l’effetto di questo innovativo modo di procedere è quello di andare ad attivare i meccanismi intrinseci e spontanei di guarigione del corpo umano; per fare questo si iniettano vari tipi di sostanze (però mai cortisone!) nelle varie strutture che volta per volta si rivelano deficitarie e che si sono logorate per il sovraccarico funzionale, per esempio a causa per lavori usuranti e ripetitivi, o di patologie da sport in cui il paziente ripete lo stesso movimento all’infinito e così via.

 

Gomito

La proloteria e le patologie del gomito

L'Epicondilite è anche nota come gomito del tennista.

è una delle patologie più comuni che causano un dolore localizzato nella zona esterna del gomito.

Questa patologia può diventare invalidante rendendo doloroso sollevare qualsiasi oggetto, anche una tazzina di caffè, o semplicemente girare una chiave nella toppa.

 

Mano e Polso

La proloterapia e le patologie della mano e polso

La tendinite si manifesta come gonfiore e un'infiammazione dei tendini.

L'infiammazione dei tendini della guaina tendinea (il tunnel all'interno del quale scorrono i tendini)possono causare dolore e gonfiore lungo il lato del polso verso il pollice.

Ciò è particolarmente evidente quando si stringe il pugno o si afferra qualcosa o quando si gira il polso.

 

Caviglia

Utilità della proloterapia nell'instabilità di caviglia

L'instabilità di caviglia è causata da un trauma che interessa i legamenti laterali della caviglia.

Si verifica in genere uno stiramento o, nei casi più gravi, una lacerazione parziale o totale delle fibre legamentose.

Quando queste lesioni non guariscono completamente, si può creare una condizione d'instabilità, con una sensazione soggettiva di caviglia instabile (cedimenti) e una lassità oggettiva dell'articolazione, che predispone il paziente a frequenti nuove distorsioni anche per traumi minori o semplicemente piccoli movimenti di torsione e inversione associate dell'articolazione.

 

Medicina Sportiva

TRAUMI DA SPORT E PROLOTERAPIA


La Proloterapia: una metodica rigenerativa per trattare i traumi da sport
La Proloterapia è un approccio ortopedico non-chirurgico che si è dimostrato molto efficace nel trattamento dei traumi da sport. Questa metodica, importata dagli Stati Uniti dove viene praticata con successo da più di cinquant’anni in tutte le lesioni di natura sportiva, è ora eseguita anche in Italia. Si tratta di un trattamento all’avanguardia che consiste in semplici infiltrazioni di glucosio (quindi acqua e zucchero), una sostanza in grado di provocare una sorta di infiammazione locale acuta che stimola la moltiplicazione (“prolo” deriva dal verbo “proliferare) e l’attivazione dei fibroblasti, le cellule responsabili del rinnovamento dei tessuti.

 

Varie

Articoli d'interesse generale

Vitamina K2.

Proloterapia e vecchiaia.