top of page

LE DISTORSIONI ALLA CAVIGLIA NON SONO TUTTE UGUALI

La distorsione alla caviglia, un fenomeno ubiquitario originato da improvvisi movimenti laterali o torsionali del piede, si pone come una complessa sfida terapeutica, manifestandosi con svariate sfaccettature nella vita quotidiana o durante l'esecuzione di attività sportive.

L'ampio spettro sintomatologico che caratterizza questa condizione, dall'insorgere di dolori a episodi di gonfiore e, nei casi più gravi, alla comparsa di ematomi, richiede un'approfondita comprensione e un trattamento altamente ponderato. La suddivisione delle distorsioni si divide principalmente in due categorie, la maggior parte avviene in inversione, con il piede inclinato verso l'interno, e in rari casi in eversione, con l'inclinazione del piede verso l'esterno. La valutazione della gravità delle distorsioni è divisa nei gradi I, II e III e si basa sulla stima dell'entità del danno ai legamenti. Il III grado è il più grave, con una totale lesione delle strutture legamentose.


Caviglia e legamenti
Il protocollo RICE

In caso della manifestazione di sintomi quali difficoltà nella deambulazione, gonfiore e dolore intenso il primo approccio da adottare è il consolidato metodo RICE (riposo, ghiaccio per le prime 48h, compressione ed elevazione). L'insieme di questi accorgimenti,  afferma l’osteopata Umberto Colella,  mira a limitare l'infiammazione e a favorire il processo di guarigione tissutale. Nei casi più complessi, la consulenza di un professionista medico diviene imperativa. In alcune circostanze, per discriminare una distorsione da una frattura, è necessario ricorrere a indagini radiografiche. La fase successiva del percorso terapeutico abbraccia una serie di interventi per recuperare tempestivamente la dinamica dell’articolazione, soprattutto dopo un periodo di fermo, che ne rallenta la circolazione e il ricambio cellulare. Tra questi vediamo esercizi di mobilizzazione, sessioni di stretching, programmi finalizzati al rafforzamento muscolare e ginnastica propriocettiva eseguita in equilibrio su apposite tavolette.

Qualora i sintomi persistano e  il quadro clinico sia oramai cronico, le terapie eseguite potrebbero non aver ristabilito completamente la struttura dei legamenti che risulteranno instabili, e in questo caso la Proloterapia, una branca della medicina rigenerativa che consiste nell’infiltrazione di glucosio direttamente in sede infiammatoria, si prospetta come un'opzione valida per stimolare la riparazione dei legamenti danneggiati.

Il dolore cronico post-distorsione trova le sue radici in una varietà di cause, tra cui una riabilitazione incompleta, ulteriori lesioni, danni ai nervi o problematiche correlate al tendine peroneo. La gestione oculata di questa condizione  afferma l’ortopedico Raffaello Riccio, richiede un processo di diagnosi preciso, finalizzato a implementare un trattamento mirato e a prevenire eventuali complicazioni nel medio-lungo termine. In caso di totale rottura dei legamenti, l'opzione chirurgica potrebbe essere presa in considerazione. La diagnosi di instabilità può essere effettuata mediante valutazioni cliniche approfondite o specifici esami radiografici, guidando così l'elaborazione del piano terapeutico.

In sintesi, dall'utilizzo iniziale del metodo RICE agli interventi terapeutici più avanzati, comprendenti esercizi specifici e, in casi selezionati, opzioni mediche o chirurgiche, la gestione delle distorsioni alla caviglia è intrinsecamente connessa a un approccio personalizzato.

Solo attraverso un percorso terapeutico attentamente calibrato è possibile garantire una completa ripresa, minimizzare il rischio di recidive e migliorare la qualità di vita del paziente nel corso del tempo.

Luciano Bassani

Post recenti
bottom of page